“Io tra di noi”, da domenica rassegna cinematografica all’Ariston

Siamo un gruppo di ragazzi di Agugliano e dintorni con varie passioni ed interessi che condividono l’amore per il cinema, quello magari meno conosciuto ma non per questo meno interessante e degno di nota

Proponiamo film di diversi periodi, generi e registi ma accomunati dal tema del rapporto del singolo individuo con la società e con le persone che lo circondano. Per questo motivo abbiamo intitolato questa serie di cineforum “Io tra di noi”.

Il cineforum è per tutti; non è solo per i ragazzi, come normalmente si pensa, ma è aperto a chiunque ama il cinema, ha qualcosa da dire, vuole esprimere la propria opinione e anzichè passare le noiose domeniche pomeriggio invernali a casa davanti alla televisione, preferisce uscire, incontrare gente, confrontarsi, conoscere nuove persone e stare insieme.

Gli appuntamenti sono in programma ogni domenica al Cinema Ariston del Centro Opere Parrocchiali in via Martiri della Resistenza, 2 ad Agugliano. Si comincia il 1° dicembre (ore 16) con la proiezione di “I 400 colpi” di Francois Truffaut.

L’ingresso è ad offerta libera.

LOCANDINA_CINEFORUM_1_DICEMBRE_2013_

Advertisements

Studenti a scuola di piano regolatore

A “scuola” di piano regolatore generale. Un’esperienza originale e interessante per gli alunni della II B della scuola secondaria di primo grado “Gaspare Spontini”, che, accompagnati dall’insegnante Maria Tramontana e dalla dirigente Cinzia Pelliccioni sono stati ospiti nella sala consiliare del Comune di Agugliano per incontrare l’architetto e funzionario comunale Tommaso Moreschi.

Un’iniziativa promossa per approfondire un argomento trattato in classe riguardante la gestione urbanistica delle città e affrontato dai ragazzi con attenzione e partecipazione. Gli alunni sono stati accolti da Aroldo Berardi, assessore alla cultura e pubblica istruzione, che dopo un breve saluto ha ricordato sinteticamente l’importanza dell’attività urbanistica per disegnare e regolamentare la specificità di ogni contesto abitato, dando le linee per la costruzione o ristrutturazione degli edifici ma anche per distribuire nel migliore dei modi tutte tipologie di insediamenti, comprese le aree verdi e quelle destinate a qualsiasi altro scopo.

L’architetto Moreschi ha illustrato il “piano regolatore generale” di Agugliano con l’ausilio di tante carte topografiche ed ha coinvolto i ragazzi ad una consultazione diretta delle planimetrie per far comprendere come effettivamente vengono utilizzate per regolamentare il territorio comunale.

Gli studenti sono stati attentissimi ed estremamente interessati all’argomento sviscerato in modo molto semplice, pratico e comprensibile da parte dell’architetto Moreschi, tanto da porgli domande e quesiti sulle problematiche che stavano emergendo.

Al termine delle due ore previste per questa esperienza, i ragazzi sono ritornati a scuola con una serie di appunti presi personalmente e con alcune note sintetiche sull’argomento preparate appositamente e loro consegnate dall’assessorato.

Lo stesso Moreschi ha fornito una documentazione più dettagliata all’insegnante per eventuali maggiori approfondimenti che gli studenti potrebbero richiedere durante la ripresa dell’argomento in classe.

SECONDA_MEDIA_PRG_1_ (9)

architetto Moreschi e studenti

architetto Moreschi e studenti

SECONDA_MEDIA_PRG_1_ (7)

“Ancona nella grande guerra”, presentato il libro di Claudio Bruschi

Si è svolta nella sala riunioni della Biblioteca comunale di via Veneto lo scorso 15 novembre, la presentazione dell’interessante libro scritto dal comandante Claudio Bruschi “Ancona nella grande guerra”.

L’evento è stata organizzata dall’assessorato alla Cultura di Agugliano in collaborazione con il Centro Studi Storici di Agugliano e Castel d’Emilio e la Biblioteca comunale.

L’assessore alla cultura Aroldo Berardi ha ricordato come questo appuntamento fosse il decimo – nell’arco di un anno – in cui sono state illustrate alla cittadinanza opere di carattere storico o di narrativa, mentre il presidente del Centro Studi Massimo Ossidi ha introdotto l’autore. Con l’aiuto di immagini inedite, rintracciate nell’archivio della Marina Militare ove Claudio Bruschi ha prestato servizio per anni, il Comandante ha offerto un quadro completo e arricchito da aneddoti e puntualizzazioni sulla situazione difensiva delle coste adriatiche prima e durante le azioni belliche della prima guerra mondiale, dal bombardamento navale di Ancona del 24 maggio 1915. Una trattazione che ha catturato l’interesse suscitando una serie di domande da parte del pubblico che ha permesso di approfondire alcuni temi.

Curioso sottolineare che a fine cerimonia, tutte le copie a disposizione del libro sono state acquistate e il Comandante Bruschi ha dato la sua disponibilità ad altri incontri, anche con studenti, esperienza di cui è già protagonista in alcune scuole di Ancona.

Claudio_Bruschi_

comandante Claudio Bruschi 

Da sx_Massimo_Ossidi_Claudio_Bruschi_Aroldo_berardi_

Ossidi (presidente Centro Studi), l’autore e l’assessore alla cultura Berardi durante la presentazione 

Pallavolo, campionato regionale serie D femminile, girone B Si Con Te Supermercati 3 La Nef Osimo Ca.Os. 2

SI CON TE SUPERMERCATI: Crispiani, Palmucci, De Vena, Arcangeli, Carletti, Mengarelli, Olivastrelli, Santilli, Florentino, Beccaceci, Balercia, Martelli (L1), Viggiano (L2) All. Lucchetti -Gambella.

LA NEF OSIMO CA.OS.: Cesaretti, Della Rossa, Ligore, Pesaresi A., Pesaresi C., Piattella, Provinciali, Ragni, Schaivoni, Stacchiotti, Testasecca, Gasparini (L1), Barzetti (L2). All. Sensini -Tancini.

PARZIALI: 16-25, 25-23, 25-18, 23-25, 15-9.

ARBITRO: Piaggesi.

Polverigi – Partita ricca di emozioni giocata di fronte ad una bella cornice di pubblico nell’ultima di andata della prima fase del campionato di serie D femminile. Nel primo set le ragazze di Sensini partono in quarta mettendo subito in difficoltà le locali con servizi efficaci ed attacchi precisi: coach Lucchetti corre ai ripari modificando la formazione, ma sotto i colpi di Ragni e Pesaresi la La Nef si aggiudica largamente il parziale. Nel secondo le locali si scuotono, reagiscono e si portano sul 13-3, ma Osimo non demorde e recupera punto su punto portandosi addirittura sul 20-21, ma grazie ad alcuni bei punti di Florentino, Arcangeli e compagne ritrovano la giusta determinazione che le consente di impattare la gara. L’inerzia è ora a favore delle locali che nel terzo set continuano a condurre il gioco mantenendo quei 2-3 punti di vantaggio; coach Sensini effettua alcuni cambi che non producono però gli effetti sperati: il margine della Si Con Te aumenta nel momento cruciale del set e sotto i colpi implacabili di capitan Arcangeli si va sul 2-1. Nel quarto set le ospiti sembrano alle corde: le locali con alcuni bei punti di Beccaceci si portano sul 15-12; il time out di coach Sensini è quanto mai efficace e le sue ragazze piazzano un break di 6-0: la gara vive i suoi momenti più intensi con belle giocate da ambo le parti, le ragazze di Lucchetti reagiscono e si riportano sul 23 pari: ci pensano poi Ragni e Della Rossa a piazzare i due colpi finali per la La Nef che raggiunge il 2-2. Nel tie-break le ospiti si portano sul 2-1 ma le locali non ci stanno e sotto i colpi di Arcangeli e De Vena si portano avanti, girano sull’8-4 riuscendo poi a gestire il vantaggio e mostrando quella determinazione che le consente di aggiudicarsi questa bella gara.

Una vittoria meritata che poteva essere anche più rotonda, ma di fronte c’era una squadra “tosta” e dopo “quel” primo set e la montagna scalata è giusto vedere il bicchiere mezzo pieno: è la terza vittoria consecutiva!!!

1

Grazie, Don Sandro!

Il 12 dicembre don Sandro Carbonari, attuale vice-parroco di Agugliano, si insedierà presso la sua nuova sede di Staffolo per svolgere il servizio di parroco. Una persona umile, Don Sandro, e sempre disponibile; un sacerdote che nella nostra comunità ha rappresentato per 10 anni il punto di riferimento spirituale del gruppo scout e che si è prodigato per le varie necessità, prima collaborando con il compianto don Cesare Agostinelli, ed ora con don Michele Montebelli, attuale parroco di Agugliano.

Da ricordare anche la sua presenza alle cerimonie istituzionali in rappresentanza dell’autorità religiosa, nonostante i numerosi impegni che il servizio sacerdotale impone in una zona pastorale vasta come quella che comprende Agugliano.

Grazie, don Sandro per la tua testimonianza di uomo mite e disponibile e di sacerdote presente e cordiale.

1

Circolo tennis Agugliano: Barbionova, Filippetti e Principi vincono il campionato

Anna Barbionova (6-1, 6-1 a Mara Maracci), Paolo Filippetti (7-5, 6-2 a Mirco Balzani) e Raffaele Principi (6-1, 7-5 a Luca Battistoni) sono i vincitori del campionato di tennis svoltosi al Circolo tennis Agugliano. Una volata lunga cinque mesi e conclusasi nella ricca giornata di domenica 6 ottobre con oltre cinque ore di tennis giocato, premiazioni e rinfresco tenutosi nella saletta del circolo. Pubblico numeroso come non mai che ha fatto da cornice agli scambi tra tennisti, alcuni davvero di notevole fattura. Il campionato si è dipanato dalla scorsa primavera con una prima fase a gironi (ribattezzati come le più note superfici tennistiche, Cementofili, Erbivori, Sintetici e Terraioli) con 24 giocatori che si sono affrontati per conquistare la qualificazione alla fase finale ad eliminazione diretta, dove ad attenderli erano già pronti altri otto giocatori di livello superiore. Nel tabellone femminile, sei le giocatrici che dopo un primo turno a girone unico hanno disputato semifinali e finale. Difficile menzionarli tutti, ma tutti, proprio tutti, meriterebbero una citazione per l’impegno che hanno messo per raggiungere l’obiettivo finale. Ma, d’altra parte, come diceva un famoso film “Ne resterà uno solo”. Ultimato il campionato, l’attività del circolo tennis è ripartita all’interno del pallone coperto con i corsi per adulti (attualmente sono 14 gli iscritti) e per ragazzi/e (7 gli iscritti) tenuti dagli Istruttori federali Luca Battistoni e Tiziano Lombardi. Si ricorda che il circolo è aperto alle prenotazioni per tennis e calcetto, anche dei non soci, telefonando al 3339327175. Oppure, passateci a trovare…  non si vedeva da tempo. Del successo della manifestazione sono protagonisti non soltanto gli organizzatori, ma anche i tanti partecipanti alle sfide ed il pubblico che ha voluto seguire con passione i match. Un volano per un brillante prosieguo dell’attività dell’Associazione sportiva dilettantistica tennis Agugliano!

1 2 3

RISPOSTA AL GRUPPO DEL PARTITO DEMOCRATICO.

Ci fa piacere constatare che qualche amico abbia ricordato ai consiglieri del gruppo del Partito Democratico che la prossima primavera ci sono le elezioni; infatti, da alcune settimane, sono divenuti all’improvviso estremamente attivi.

Per la prima volta hanno partecipato alle assemblee da noi organizzate ed iniziato a divulgare volantini.

Purtroppo (forse nella foga di scrivere) non sono stati abbastanza attenti ed il brusco risveglio non ha permesso loro di mettere a fuoco la complessità del duro e quotidiano lavoro svolto dal gruppo che il Sindaco ha avuto l’onore di dirigere in questi dieci anni; nel volantino che sta girando in questi giorni dal titolo “Raccolta dei rifiuti: se ci avessero ascoltato prima…!!!” espongono considerazioni fuori luogo, come scolaretti che devono fare il compito in classe, ma non avendo studiato si limitano copiare ed esibiscono il bel voto ottenuto alla mamma come se fossero alunni-modello.

In questo caso, i consiglieri PD vorrebbero far credere ai cittadini che è grazie al loro lavoro che Agugliano ha raggiunto il 70% di raccolta differenziata.

Crediamo sia il caso di dare informazioni corrette al fine di permettere ai cittadini di dare un giudizio imparziale sull’operato di chi amministra.

Il Partito Democratico ha la memoria corta quando scrive: “la partenza è stata travagliata” riferendosi all’appalto indetto dall’Unione su cui una azienda aveva fatto ricorso e trascura di individuare l’origine del problema. Infatti:

1 – nel 2004, quando abbiamo iniziato ad amministrare, questo tipo di raccolta denominata “porta a porta” in molti paesi/città era già attuata per cui sarebbe più opportuno che si chiedessero: “Come mai ad Agugliano non veniva fatta?” Perchè uno schieramento politico che si dichiara a parole votato all’ambiente non attuava l’unico metodo che poteva dare garanzia di una raccolta veramente differenziata?

2 – Come mai un partito attento a problemi ambientali ci aveva lasciato in eredità una discarica a cielo aperto in via Martin Luther King a ridosso delle scuole, un luogo in cui venivano abbandoni ogni tipo di rifiuto a cielo aperto?

3 – Come mai in quell’occasione il Pd non aveva organizzato assemblee pubbliche per spiegare alla cittadinanza il “loro” metodo di raccolta?

Dopo tutte queste “omissioni”, oggi i consiglieri PD avrebbero la pretesa di insegnarci cosa fare? E’ evidente che gli piace giocare.

I fatti dicono che noi dal 2004 in poi, abbiamo:

  • eliminato la discarica a cielo aperto;

  • realizzato un’isola per la differenziata incentivando la raccolta con bonus monetari;

  • ampliato l’isola ecologica per dare maggiori opportunità ai cittadini;

  • realizzato il centro del riuso per lo scambio di apparecchiature, mobili, oggetti ancora funzionanti che possono soddisfare esigenze di altri cittadini piuttosto che mandarli in discarica.

La perla nel volantino del Partito Democratico viene raggiunta quando dichiarano:

Questi risultati sono esattamente il contrario di quanto affermato per anni dai nostri Amministratori comunali i quali si sono affannati ad utilizzare pagine del giornalino comunale per spiegarci esattamente l’opposto, ossia come i costi sarebbero aumentati e che i pessimi risultati in tema di raccolta differenziata del comune di Agugliano era colpa degli stessi cittadini che poco facevano.”

Sgombriamo subito il campo da equivoci. Il Sindaco CONFERMA quanto a suo tempo disse, ma ora cerchiamo di fare chiarezza, sia per dare ai cittadini informazioni corrette sia per insegnare qualcosa a quei giovani che vorrebbero candidarsi ad amministrare il paese.

Nel trattare il servizio “Porta a Porta” con la società che all’epoca gestiva già il servizio di raccolta dei rifiuti (tale società era stata scelta dalla precedente Amministrazione Comunale) questa ci aveva proposto di fare il servizio chiedendoci un aumento del corrispettivo pagato di circa il 30%. Di fronte a questa proposta, abbiamo deciso di incaricare un tecnico, esperto nel settore, che redigesse un progetto tenendo conto di mantenere i costi del nuovo servizio al disotto del 10% al fine di non gravare a livello economico sulle famiglie.

E’ evidente che il servizio progettato ha dovuto mediare tra i costi e i passaggi degli operatori per la raccolta delle varie tipologie di rifiuto; vedi l’umido, vedi l’indifferenziata e/o vedi lo spazzamento manuale ecc ecc..

Cosa aveva sostenuto il Sindaco? Avevo detto – e lo conferma ancor oggi a maggior ragione avendo alla mano i dati contabili – che la raccolta ha raggiunto il 70% perché i cittadini sono “costretti” viene loro imposto dal metodo. Ripetiamo a beneficio dei ragazzi che vorrebbero amministrare Agugliano, che abbiamo raggiunto il 70% perché oggi le famiglie sono obbligate dal sistema del “Porta a Porta”; vengono responsabilizzate; il singolo cittadino è chiamato ad attivarsi altrimenti i rifiuti o li tiene in casa o li fa “migrare” in qualche altra città… che ancora ha i cassonetti stradali.

Invece il Sindaco sperava (con le lettere che ha scritto cercava di stimolare) i cittadini che si potevano attivare responsabilmente separando correttamente i rifiuti della carta della plastica del vetro ecc ecc. e conferendoli correttamente nei vari cassonetti stradali. Questo ci avrebbe permesso di non cambiare il sistema le famiglie avrebbero avuto una maggiore libertà di azione e avremmo ottenuto una ben più consistente riduzione visto che :

Il costo del contratto di servizio versato dall’Unione alla società che svolgeva la raccolta nel 2010 è stato di circa 441.000 euro; nel 2012 è passato a 480.000 euro; nell’anno corrente è prevista una riduzione rispetto al 2012.

Non credo sia la stessa cosa.

Mi auguro per Agugliano e per i suoi cittadini, che anche i consiglieri del Partito Democratico ora abbiano le idee più chiare; mi permetto di consigliare loro di studiare e analizzare i problemi, prima di scrivere sentenze. Sarebbe utile per la loro credibilità e per informare nel modo giusto e corretto la collettività: chiacchierare in piazza ed amministrare sono due cose profondamente diverse.