RISPOSTA AL GRUPPO DEL PARTITO DEMOCRATICO.

Ci fa piacere constatare che qualche amico abbia ricordato ai consiglieri del gruppo del Partito Democratico che la prossima primavera ci sono le elezioni; infatti, da alcune settimane, sono divenuti all’improvviso estremamente attivi.

Per la prima volta hanno partecipato alle assemblee da noi organizzate ed iniziato a divulgare volantini.

Purtroppo (forse nella foga di scrivere) non sono stati abbastanza attenti ed il brusco risveglio non ha permesso loro di mettere a fuoco la complessità del duro e quotidiano lavoro svolto dal gruppo che il Sindaco ha avuto l’onore di dirigere in questi dieci anni; nel volantino che sta girando in questi giorni dal titolo “Raccolta dei rifiuti: se ci avessero ascoltato prima…!!!” espongono considerazioni fuori luogo, come scolaretti che devono fare il compito in classe, ma non avendo studiato si limitano copiare ed esibiscono il bel voto ottenuto alla mamma come se fossero alunni-modello.

In questo caso, i consiglieri PD vorrebbero far credere ai cittadini che è grazie al loro lavoro che Agugliano ha raggiunto il 70% di raccolta differenziata.

Crediamo sia il caso di dare informazioni corrette al fine di permettere ai cittadini di dare un giudizio imparziale sull’operato di chi amministra.

Il Partito Democratico ha la memoria corta quando scrive: “la partenza è stata travagliata” riferendosi all’appalto indetto dall’Unione su cui una azienda aveva fatto ricorso e trascura di individuare l’origine del problema. Infatti:

1 – nel 2004, quando abbiamo iniziato ad amministrare, questo tipo di raccolta denominata “porta a porta” in molti paesi/città era già attuata per cui sarebbe più opportuno che si chiedessero: “Come mai ad Agugliano non veniva fatta?” Perchè uno schieramento politico che si dichiara a parole votato all’ambiente non attuava l’unico metodo che poteva dare garanzia di una raccolta veramente differenziata?

2 – Come mai un partito attento a problemi ambientali ci aveva lasciato in eredità una discarica a cielo aperto in via Martin Luther King a ridosso delle scuole, un luogo in cui venivano abbandoni ogni tipo di rifiuto a cielo aperto?

3 – Come mai in quell’occasione il Pd non aveva organizzato assemblee pubbliche per spiegare alla cittadinanza il “loro” metodo di raccolta?

Dopo tutte queste “omissioni”, oggi i consiglieri PD avrebbero la pretesa di insegnarci cosa fare? E’ evidente che gli piace giocare.

I fatti dicono che noi dal 2004 in poi, abbiamo:

  • eliminato la discarica a cielo aperto;

  • realizzato un’isola per la differenziata incentivando la raccolta con bonus monetari;

  • ampliato l’isola ecologica per dare maggiori opportunità ai cittadini;

  • realizzato il centro del riuso per lo scambio di apparecchiature, mobili, oggetti ancora funzionanti che possono soddisfare esigenze di altri cittadini piuttosto che mandarli in discarica.

La perla nel volantino del Partito Democratico viene raggiunta quando dichiarano:

Questi risultati sono esattamente il contrario di quanto affermato per anni dai nostri Amministratori comunali i quali si sono affannati ad utilizzare pagine del giornalino comunale per spiegarci esattamente l’opposto, ossia come i costi sarebbero aumentati e che i pessimi risultati in tema di raccolta differenziata del comune di Agugliano era colpa degli stessi cittadini che poco facevano.”

Sgombriamo subito il campo da equivoci. Il Sindaco CONFERMA quanto a suo tempo disse, ma ora cerchiamo di fare chiarezza, sia per dare ai cittadini informazioni corrette sia per insegnare qualcosa a quei giovani che vorrebbero candidarsi ad amministrare il paese.

Nel trattare il servizio “Porta a Porta” con la società che all’epoca gestiva già il servizio di raccolta dei rifiuti (tale società era stata scelta dalla precedente Amministrazione Comunale) questa ci aveva proposto di fare il servizio chiedendoci un aumento del corrispettivo pagato di circa il 30%. Di fronte a questa proposta, abbiamo deciso di incaricare un tecnico, esperto nel settore, che redigesse un progetto tenendo conto di mantenere i costi del nuovo servizio al disotto del 10% al fine di non gravare a livello economico sulle famiglie.

E’ evidente che il servizio progettato ha dovuto mediare tra i costi e i passaggi degli operatori per la raccolta delle varie tipologie di rifiuto; vedi l’umido, vedi l’indifferenziata e/o vedi lo spazzamento manuale ecc ecc..

Cosa aveva sostenuto il Sindaco? Avevo detto – e lo conferma ancor oggi a maggior ragione avendo alla mano i dati contabili – che la raccolta ha raggiunto il 70% perché i cittadini sono “costretti” viene loro imposto dal metodo. Ripetiamo a beneficio dei ragazzi che vorrebbero amministrare Agugliano, che abbiamo raggiunto il 70% perché oggi le famiglie sono obbligate dal sistema del “Porta a Porta”; vengono responsabilizzate; il singolo cittadino è chiamato ad attivarsi altrimenti i rifiuti o li tiene in casa o li fa “migrare” in qualche altra città… che ancora ha i cassonetti stradali.

Invece il Sindaco sperava (con le lettere che ha scritto cercava di stimolare) i cittadini che si potevano attivare responsabilmente separando correttamente i rifiuti della carta della plastica del vetro ecc ecc. e conferendoli correttamente nei vari cassonetti stradali. Questo ci avrebbe permesso di non cambiare il sistema le famiglie avrebbero avuto una maggiore libertà di azione e avremmo ottenuto una ben più consistente riduzione visto che :

Il costo del contratto di servizio versato dall’Unione alla società che svolgeva la raccolta nel 2010 è stato di circa 441.000 euro; nel 2012 è passato a 480.000 euro; nell’anno corrente è prevista una riduzione rispetto al 2012.

Non credo sia la stessa cosa.

Mi auguro per Agugliano e per i suoi cittadini, che anche i consiglieri del Partito Democratico ora abbiano le idee più chiare; mi permetto di consigliare loro di studiare e analizzare i problemi, prima di scrivere sentenze. Sarebbe utile per la loro credibilità e per informare nel modo giusto e corretto la collettività: chiacchierare in piazza ed amministrare sono due cose profondamente diverse.

Advertisements

E’ nato “Agugliano Società & Cultura” on-line.

E’ nato “Agugliano Società & Cultura” on-line.

La necessità di veicolare informazioni, notizie e comunicazioni in tempo reale ci ha convinti ad utilizzare questo strumento che si aggiunge ed integra il sito internet dell’Amministrazione Comunale di Agugliano dove da tempo si possono scaricare, a norma di legge, tutti gli atti amministrativi prodotti.

 Questo strumento più diretto di informazione diffusa non sostituirà completamente il “fratello maggiore” cartaceo, che sarà comunque pubblicato, sebbene a scadenze più lunghe, ma speriamo contribuisca a raggiungere più soggetti ed allargare gli spazi di partecipazione dei cittadini.

Come tutti i nuovi progetti, una volta definito e pronto per essere utilizzato, va testato sul “campo” da parte degli utenti, per questo chiediamo la massima collaborazione ai cittadini per fornirci suggerimenti o indicazioni che possano migliorare l’operatività e la chiarezza di fruizione di questo mezzo di comunicazione.

Anticipando una eventuale richiesta, precisiamo che il gionale on-line è stato strutturato volutamente come organo ufficiale ed istituzionale dell’Amministrazione Comunale di Agugliano, esattamente come quello cartaceo, pertanto ogni eventuale interazione informatica non sarà possibile gestirla direttamente sulle pagine del giornale, ma si potrà attivare “catturando” gli articoli interessati e svilupparne le considerazioni collegate sui noti social network.

Ringraziamo anticipatamente i cittadini che fruiranno del servizio e contribuiranno al suo adeguamento migliorativo e, buona consultazione.

1